Il futuro è nelle nostre scelte di cambiamento

La situazione che stiamo vivendo e in cui siamo ancora totalmente immersi ha fatto saltare tutti gli schemi. Ci ha cambiati, anche se abbiamo resistito a farlo. Anche se abbiamo provato a spostare in avanti il cambiamento.

E se lo abbiamo fatto, se abbiamo deciso di indossare l’armatura della resilienza, insistendo a resistere anziché iniziare a “costruire il cambiamento”, ci siamo resi conto che alla nostra resistenza si opponeva una forza contraria data dalle resistenze degli altri.

Oggi dobbiamo fare i conti con variabili “nuove” – e che prendono i nomi di incertezza, complessità, instabilità, imprevedibilità – che mettono in discussione all’improvviso tutti gli schemi. Siamo stati spinti a “metterci in gioco” rapidamente – e per reazione – senza avere avuto il tempo di elaborare il processo di consapevolezza necessario a generare il cambiamento intenzionale.

Abbiamo iniziato a cambiare senza cambiare prima noi.

Forse proprio perché tutti gli schemi sono saltati, vale allora la pena adesso far defluire tutte le esperienze fatte in questo tempo, tutte le nuove conoscenze apprese, riflettere ed agire cambiando.

Tutti stiamo facendo i conti con il fattore imprevedibilità e la consapevolezza che il cambiamento necessario ad uscire la fase dell’emergenza ha coordinate e trame differenti da quelli di un anno fa. Ha creato network informali, connessioni nuove, sistemi convergenti sul tema complessità che oggi rendono urgenti cambiare il flusso di direzione dell’agire.

Ma per farlo, per affrontare la complessità, bisogna prima allearsi con noi stessi. Riconciliare il nostro sé che resiste, al nostro sé che sperimenta il bisogno di trasformazione.

È giunto il momento di rimettere al centro la relazione con l’altro e porre massima attenzione sul proprio capitale emotivo. Dobbiamo imparare ad investire davvero su noi stessi e sviluppare traiettorie di crescita autentiche che interpretino il cambiamento in armonia con i nostri valori. Un passaggio non da poco che riguarda l’intelligenza emotiva e i suoi quattro quadranti: conoscenza di sé, gestione di sé, conoscenza del sistema, gestione del sistema.

Farlo, significa, scegliere che leadership vogliamo essere. Una scelta che determina la direzione con cui affrontare il cambiamento.

<Cominciate a fare ciò che è necessario, poi ciò che è possibile. E all’improvviso vi sorprenderti a fare l’impossibile>. S. Francesco

2 pensieri riguardo “Il futuro è nelle nostre scelte di cambiamento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: