Magari domani resto…al Sud

Sulla quarta di copertina dell’ultimo libro di Lorenzo Marone, giovane scrittore napoletano c’è scritto : “Ci proviamo tutti a spiccare il volo, per poi la sera ripararci sotto le pergole dei nostri piccoli gesti quotidiani. Essere abitudinari non è così da sfigati. I bambini sono abitudinari. E i cani. Il meglio che c’è in giro”.Continua a leggere “Magari domani resto…al Sud”

Sliding Doors

Per chi l’ha saputa cogliere, ci è stata data una straordinaria opportunità in questo periodo: riscrivere il copione delle nostre giornate. Non scorrendolo distrattamente come abbiamo magari fatto sinora, dando per scontato il finale. Ma inserendo un co-autore nuovo: la consapevolezza. E’ un coautore prepotente, che cambia la trama, inserisce nuovi personaggi, modifica il finale.Continua a leggere “Sliding Doors”

Direzione d’Orchestra

Il cambiamento ha bisogno di un’orchestra, e di uno scenario in cui svolgersi. Ma soprattutto necessita di un Direttore d’Orchestra. Il Direttore a guida di un’orchestra ha un ruolo interpretativo; è cioè colui che fa le scelte musicali fondamentali (andamento, tempo, profilo dinamico, coordinamento tra le parti, etc…) caratterizzando il proprio punto di vista sulContinua a leggere “Direzione d’Orchestra”

Man-tenere

Mantenere e Manutenere hanno la stessa etimologia. Man-tenere cioè “tenere per mano”. Mantenere una promessa significa tenerla per mano. Non lasciarla. Tenerla sempre con sé. Averne cura e operare per realizzarla.Se una promessa la posi, poi rischi di scordarti dove l’hai messa. E non la trovi più. Per questo non si possono fare più promesseContinua a leggere “Man-tenere”

Con-sapere

Laddove c’è un limite, si crea spazio per il cambiamento. Questo ci insegnano i tramonti. Una delle manifestazioni più spettacolari della natura.I tramonti che, sbagliando, associamo alla fine di qualcosa e non invece al chiudere qualcosa che ha esaurito il suo ciclo per lasciare spazio al nuovo.Ripensiamo allora al tramonto come il passaggio di unContinua a leggere “Con-sapere”

Disinnescare

Il cambiamento nasce dalla mossa che esce fuori dagli schemi. Talvolta, nasce proprio dalla capacità di gestire in modo generativo un conflitto. Perché interrompe il flusso di un processo disfunzionale, in cui tra le parti manca la <connessione>. Disinnescare é una scelta di cambiamento.Perché cambia le coordinate di una negoziazione.Le due parti, per scelta consapevoleContinua a leggere “Disinnescare”

X_nature

Ieri, in un contesto di rara bellezza, ha attratto la mia attenzione un particolare, un bellissimo albero ad X.Un esempio di come la natura trova comunque la sua strada per svilupparsi quando il terreno è impervio e le condizioni non favorevoli.I nodi dell’albero sono le sfide che l’albero ha dovuto affrontare e risolvere trovando alternative.Continua a leggere “X_nature”

Bisogna ricominciare il viaggio, sempre.

<Il viaggio non finisce mai. Solo i viaggiatori finiscono. E anche loro possono prolungarsi in memoria, in ricordo, in narrazione. Quando il viaggiatore si è seduto sulla sabbia della spiaggia e ha detto: “Non c’è altro da vedere”, sapeva che non era vero.> Ecco. Cosi inizia il cambiamento. Inizia quando ci scopriamo a dire “nonContinua a leggere “Bisogna ricominciare il viaggio, sempre.”

Noi siamo immortali (storia di un In-Super-abile)

Le parole ironiche con cui Giovanni racconta il suo cambiamento di vita ci costringono a <rallentare>, e a soffermarci curiosi di conoscere Giovanni ed insieme a lui condividere la storia di tutti gli IMMORTALI, che non sono coloro che non muoiono mai, ma coloro che non si arrendono mai. E che se trovano la stradaContinua a leggere “Noi siamo immortali (storia di un In-Super-abile)”

Come il fiore di loto, rigenerati nelle avversità

<Il fiore di loto che sboccia e cresce nelle avversità è il più raro e il più bello di tutti>. La leggenda racconta che una dea di speciale bellezza si perse in un bosco fino a raggiungere un luogo nel quale abbondava il fango, denominato loto, nel quale si immerse.Questo luogo era stato creato dalleContinua a leggere “Come il fiore di loto, rigenerati nelle avversità”

Il complesso dell’ostrica

<Siamo troppo attaccati allo scoglio, alle nostre sicurezze, alle lusinghe gratificanti del passato. Ci piace la tana. Ci attira l’intimità del nido. Ci terrorizza l’idea di rompere gli ormeggi, di spiegare le vele, di avventurarci in mare aperto. Se non la palude, ci piace lo stagno.> Le parole di Don Tonino Bello sintetizzano benissimo qualiContinua a leggere “Il complesso dell’ostrica”

Il cambiamento è una scelta

Non siamo allenati al cambiamento. Per settanta giorni siamo stati costretti a mutare le nostre abitudini, il nostro modo di lavorare, di studiare, di tenere relazioni sociali. Di confrontarci con noi stessi e le con le nostre incertezze. Ma non siamo cambiati. Il cambiamento è una scelta, non un adattamento. Il cambiamento adattivo, quello aContinua a leggere “Il cambiamento è una scelta”

70 Battiti d’ala al secondo

”Tu sei un colibrì perché come il colibrì metti tutta la tua energia nel restare fermo” È così Marco, il protagonista del romanzo di Veronesi, che parla di cambiamento. E lo fa mostrando il “dietro le quinte” del cambiamento di una persona che ce la mette tutta per non cambiare. Perché del cambiamento ha paura, teme possa scombinareContinua a leggere “70 Battiti d’ala al secondo”

E nel frattempo, godiamoci il paesaggio.

Bisogna rispettare l’orologio delle emozioni, prendere le distanze, ascoltare la propria fragilità. Ascoltare i tempi propri ed il tempo  degli altri e sentire ciò che é sincrono a sé, lasciando andare ciò che non lo è. Assecondare i propri desideri e ricercare ciò che ci fa stare meglio senza infrangere il terreno altrui ma concimandoloContinua a leggere “E nel frattempo, godiamoci il paesaggio.”